Ben trovati ad un nuovo appuntamento con il TechCorner di “becomeahero”, vi avevamo anticipato che avremmo parlato di Selle: caratteristiche,benefici ecc

La rete è piena d’informazioni legate all’argomento e molti produttori di selle hanno il proprio sito dove potrere trovare tutte le particolarità tecniche del caso.

In questo Tech abbiamo deciso di sintetizzare più possibile la moltitudine di nozioni teoriche, valutazioni anatomiche o discussioni di marchio, concentrandoci invece sulle nostre eseprienze personali in modo che possano essere spunto per chi come noi si è trovato o sta affrontando il problema di una sella scomoda e dolorosa. Parleremo delle valutazioni che abbiamo fatto per risolvere il problema e degli aspetti con i quali abbiamo dovuto fare i conti.

Saddle

Iniziamo dicendo che la sella è un componente IMPORTANTISSIMO, su di essa grava molto del vostro dolce peso e risulta essere l’unico punto di appoggio passivo presente sulle nostre Bike. Il resto del peso è distribuito su pedali e manubrio.

La costante crescita del mercato MTB ha portato ad un’evoluzione incredibile della componentistica dedicata, anche le selle ed il loro studio hanno cavalcato questa ondata di crescita e oggi a listino le possibilità di scelta sono quasi infinite… Ci sono selle per ogni utilizzo quindi certamente trovere quella giusta per voi, non temete!

Noi dobbiamo fare la Hero, rimanere in sella per 7/8/9h consecutivamente, siamo quindi consapevoli che parte di questo “successo” passa anche dalla sella.
Infatti potete pedalare utilizzando componentistica generale di vario livello,top di gamma o entry level ma certamente non riuscirete a pedalare con una sella scomoda e dolorosa indipendentemente dal suo valore economico.
Solo questa considerazione è sufficiente per comprendere quale sia l’importanza e la complessità di questo argomento.

Saddle-sores

Le selle per MTB sono sottoposte ad uno stress maggiore rispetto ad una sella stradale, sassi, buche,salti ecc richiedo una base di costruzione più robusta.
Nel caso specifico troviamo guide più resistenti,un modulo base più spesso ed un rivestimento deformabile per smorzare le vibrazioni ed assorbire gli urti che altrimenti graverebbero su bacino e schiena.

Il bacino è strutturato in modo che le tuberosità ischiatiche si prendano la responsabilità di sostenere il carico, in pratica le due parti più basse dell’ischio, uno delle tre ossa che, insieme a ilio e pube, danno vita all’anca, sono le ossa incaricate al sostegno del peso in sella e necessitano del giusto “appoggio”.
Selle troppo morbide portano a problemi di postura, soprattutto nelle lunghe percorrenze, mentre quelle troppo rigide portano ad affaticamenti muscolari di schiena e collo.

La scelta della sella si basa su parametri concreti come, il peso,l’altezza, la distanza tra le tuberosità Ischiatiche, la circonferenza delle cosce e l’angolo d’inclinazione del bacino. Sembrano parametri complessi ma un negozio specializzato rileva questi valori in pochi minuti, voi senza appositi strumenti non sareste in grado di farlo correttamente.

larghezza sella

inclinazione bac.

Chiariamo che Uomo e donna non hanno la stessa sella… quelle pensate per le donzelle, presentano ovvie differenze di progettazione.
Le donne hanno arti più sviluppati rispetto al busto (soprattutto il femore) e un bacino più largo per consentire il parto. La seduta risulterà quindi più ampia per accogliere lo spazio maggiore tra le tuberosità.
Una sella troppo stretta farà scivolare le ossa iliatiche verso l’esterno, mandando in compressione il perineo e i genitali, con i problemi che ne conseguono. Una sella troppo larga invece vi obbligherà ad assumere una postura di pedalata più larga con tutte le conseguenze del caso.

Attualmente in commercio troviamo anche selle con lo scasso centrale, che consentono un alleggerimento delle pressioni al perineo, ai testicoli o il clitoride.

sella scasso

Sono molto apprezzate dai ciclisti robusti proprio per le caratterisriche di scarico pressione, ma sono ovviamente studiate per tutte le casistiche. Portano inoltre grandi vantaggi in termini di areazione e dissipazione del calore in quelle zone sensibili e facilmente irritabili. Si perde un po’ in comodità iniziale ma i vantaggi nel tempo sono importanti.

La comodità di una sella è molto soggettiva e non è detto che una sella più morbida sia sinonimo di maggior comodità.

Di seguito troverete la descrizione della configurazione migliore che abbiamo raggiunto, le prove che abbiamo fatto e qualche dato di corporatura perché possiate fare le valutazioni che riterrete opportune.
I produttori citati fornisco articoli di qualità pensati per soddisfare ogni tipo di necessità.
Tutte le selle provate sono state montate a regola d’arte da tecnici specializzati e questo focus non pubblicizza alcun prodotto ma riporta semplicemente fatti compiuti basati su considerazioni assolutamente personali.

L’aspirante Hero n°1 ha una “Fizik Airone” (no scasso), si è sempre trovato bene con quella e non ha mai sentito la necessità di cambiarla. Durante la pedalata non ha riscontrato problemi come formicolio, dolore, irritazioni varie.
Ciò non significa che in commercio non ci siano altre selle ugualmente idonee.
Biker 70kg-1.73mt-corporatura media

L’aspirante Hero n°2… parte con una sella “Std Giant” (no scasso) una sella di primo montaggio e da subito nelle medie percorrenze 40/50km accusa formicolio e fastidi vari, dopo svariate regolazione d’inclinazione e profondità il problema rimane, si cambia sella.
Passa ad una “Specialized Phenom Expert” (con scasso), anche in questo caso vengono provate svariate regolazioni ma la sella non si adatta al suo fondoschiena ,in salita accusa formicolii frequenti e qualche dolore, urge un cambiamento.
Prova una “SMP Glider” (con scasso) e da subito il feelling è buono. Dopo aver trovato la giusta inclinazione smette di avere formicolii /dolori ed anche sulle lunghe percorrenze non denota affaticamento. Ha trovato la sua sella.
Biker circa 85Kg-1.82mt- corporatura media

L’aspirante Hero n°3… … parte con una “Bontrager Pure ” di primo montaggio, sella in Gel (no scasso). Nelle percorrenze brevi la sella risulta comoda, ma sulle distanze medio lunghe riscontra problemi importanti di formicolio e affaticamento della zona di appoggio, il suo fondoschiena non si trova, in salita i problemi diventano maggiori e la pedalata si fa sempre meno gradevole. Il cambiamento è obbligato.
Prova una “SPM Hybrid” (con scasso), i primi km non sono facili, non si adatta facilmente e dopo svariate prove e Km è costretto a cambiare di nuovo, con questa configurazione si è tornati al punto di partenza, formicolii, irritazioni, dolori vari. Direi che non è la sella giusta.
Passa ad una “Bontrager Paradigm Race” (con scasso), questa è una sella stradale più che per MTB, l’imbottitura è in Gel molto sottile e nel complesso è piuttosto rigida. Contro ogni aspettativa la percezione è subito buona, trovata la giusta regolazione la sella si adatta al fondoschiena e pedalare torna ad essere un piacere.
Biker 90kg-1.84mt- corporatura media

Quanto sopra ci fa comprendere quanto personale sia la scelta della sella, quanto non si possa fare un acquisto per sentito dire, perché avete letto o vi hanno detto che…

Ci sono molte selle in commercio e di certo ci saranno altri prodotti con i quali il nostro fondoschiena andrebbe a nozze. Noi per ora vi riportiamo le sensazioni provate con questi prodotti e rimandiamo al futuro eventuali nuove valutazoni.

Abbiamo però compreso che esiste un solo modo per capire quale sia la sella giusta per voi e questo modo è provarla, non ci sono altri modi, non ci sono forum, non ci sono guide o parole, dovete semplicemente provarla.
Affidatevi a professionisti a negozio specializzati che possano fornirvi delle selle da provare, da testare, non commette lo stesso errore che abbiamo commesso anche noi, comprare delle selle seminuove su mercatini di settore, da persone che come noi hanno acquistate prodotti non adatti alle loro caratteristiche
Vi costerà tempo e denaro.

In questi casi si spende meno e meglio nel rivolgersi subito ad un rivenditore specializzato che potrà darvi il giusto “supporto” e la necessaria assistenza, verso una scelta che sia immediatamente vincente.

Alla prossima!

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata