La catena è un elemento fondamentale di una MTB, quindi deve essere tenuta sempre in buono stato, pulita e lubrificata e all’occorrenza essere sostituita dopo un certo utilizzo, per evitare che con l’usura si vadano a rovinare anche altre parti come la cassetta e le corone.

In questo articolo descriveremo come lubrificare correttamente la catena della propria bici.

La pulizia della catena è importante per rimuovere ogni residuo di polvere dai rullini, residuo che avrebbe un’azione abrasiva accorciando la vita della catena. Se siamo in mezzo al nulla e non abbiamo acqua, detergenti e/o sgrassanti, possiamo limitarci a passare uno straccio o un fazzoletto per rimuovere il grosso.

Vediamo qui di seguito come possiamo costruire un ottimo ed efficiente pulisci catena con minima spesa e massima resa, diciamo praticamente gratis con quello che possiamo recuperare in casa.

Materiale utilizzato: due spazzolini da denti vecchi da buttare via

IMG_2348

e un pò di nastro adesivo o scotch, quello che avete a disposizione

IMG_2349

mettete gli spazzolini con le setole che si guardano e fermateli con il nastro isolante in questo modo

IMG_2350

ed ecco fatto un pratico pulisci catena a costo zero!

spazzolini catena

Il vecchi spazzolini da denti tornano utili anche per pulire il pacco pignoni

Pulizia del pacco pignoni posteriore 2

le corone

Pulizia della catena. Particolare 3

e la parte esterna\laterale della catena

Pulizia della catena. Particolare 6

è anche possibile smontare del tutto la catena per pulirla in profondità utilizzando la falsa maglia (se presente) o l’apposito attrezzo ma questa secondo me è un’operazione che si può anche evitare a patto di pulire e lubrificare sempre la nostra catena dopo ogni utilizzo

per chi preferisce sul mercato sono disponibili anche degli appositi lava-catena

lavacatena

una volta pulita a dovere possiamo procedere alla lubrificazione della catena

Poiché deve penetrare in uno spazio angusto, per la lubrificazione della catena si utilizzano sempre e solo oli lubrificanti. L’utilizzo di grasso infatti sarebbe solo controproducente: il grasso non riesce a penetrare nella giunzione, risultando di fatto completamente inutile. La sua funzione sarebbe solo quella di attirare sporco, con addirittura un effetto dannoso per la durata della catena stessa.

no grasso su catena

Il lubrificante ideale deve rispondere a due caratteristiche:

Dev’essere persistente, ovvero deve resistere al dilavamento ed ai cicli di rotazione dello snodo della catena. Un lubrificante persistente dura a lungo ed assicura che la catena rimanga sempre correttamente lubrificata.

Non deve far attaccare lo sporco, perché lo sporco svolge una funzione abrasiva all’interno delle bussole.

Si tratta di due caratteristiche difficilmente compatibili, poiché un olio persistente solitamente fa attaccare facilmente lo sporco e viceversa.

E’ quindi importante saper scegliere il giusto olio lubrificante a seconda delle condizioni meteorologiche e delle condizioni della catena. Ci sono condizioni in cui è meglio un prodotto persistente, altre in cui è meglio uno poco “appiccicoso”.

I PRODOTTI PER LA CATENA

SBLOCCANTI

wd40

I prodotti sbloccanti come il WD40 o lo Svitol, vengono spesso consigliati ed utilizzati per la lubrificazione della catena. Per quanto molti lo utilizzino e le stesse case produttrici li consiglino per tale scopo, in realtà questo tipo di prodotto non è particolarmente adatto per la catena.

L’azione lubrificante è infatti piuttosto blanda. Il lubrificante è infatti presente in piccola parte, mentre questi prodotti hanno una forte azione pulente. Il risultato è che la catena rimane inizialmente lubrificata e pulita (e questo è un bene), ma dopo breve tempo l’azione lubrificante svanisce ed il prodotto viene dilavato con estrema facilità. Il risultato è che la catena lavora a secco.

Insomma, questi prodotti non sono adatti ad una duratura lubrificazione, ma possono essere utili quando la catena è molto sporca e non si ha di meglio a portata di mano. Il grosso vantaggio è che questi prodotti si trovano ovunque, anche nel più sperduto borgo di montagna. Il loro effetto pulente è ottimo ed, in fondo, è meglio avere la catena un pochettino secca piuttosto che avercela impastata di sabbia e fango.

OLIO DA ASCIUTTO “DRY”

L’olio “dry” o da asciutto è un olio formulato per condizioni di polvere, le classiche condizioni estive. La caratteristica principale di quest’olio è di attirare pochissimo la polvere, evitando quindi che questa si insinui all’interno delle bussole della catena.

Solitamente sono a base di Teflon, disciolto in un solvente piuttosto volatile. Il solvente serve a far penetrare il lubrificante nel rullino, poi evapora lasciando un velo di lubrificante secco.

Una volta evaporato il solvente, il lubrificante al tatto assomiglia ad una polvere e non è assolutamente appiccicoso. Questo da un lato è un bene, perché non fa attaccare lo sporco, dall’altro però il basso potere adesivo rende questo tipo di lubrificante poco duraturo.

Si tratta quindi di prodotti pensati per condizioni di asciutto, in cui il rischio di dilavamento da parte dell’acqua è limitato ed è più importante che non si attacchi la polvere.

La durata dell’effetto lubrificante è piuttosto limitata ed è quindi necessario applicare il prodotto con più frequenza. In compenso però la catena rimane molto pulita e quindi non è sempre necessario lavarla tra un’applicazione e l’altra.

OLIO DA BAGNATO “WET”

L’olio da bagnato o “wet”, all’inglese, è un olio pensato per le condizioni di pioggia e fondo umido o fangoso.

Solitamente a base di silicone o ceramica, questo tipo di olio offre un elevato potere adesivo e quindi un’ottima durabilità ed un’elevata resistenza al dilavamento. La pioggia, gli schizzi di acqua e fango o peggio la neve, tendono infatti a dilavare il lubrificante dalla catena, lasciandola sprotetta. L’acqua quindi tende a far ossidare la catena e lo sporco a bloccare lo scorrimento dei rullini. Il risultato è una rapida usura ed un decadimento delle prestazioni, soprattutto in fase di cambiata.

L’olio wet è generalmente denso e molto appiccicoso, tanto che spesso quando lo si applica lascia i fili, un po’ come la mozzarella sulla pizza. Quando è bagnato non c’è quella finissima polvere che si insinua dappertutto e gli schizzi di fango ed acqua sono generalmente composti da particelle abbastanza grosse che non sono in grado di penetrare i rullini. Non c’è insomma il problema della polvere. Quello che è veramente dannoso è invece il dilavamento da parte dell’acqua, fenomeno che si può combattere solo con un lubrificante fortemente adesivo.

A differenza dei lubrificanti da asciutto, quelli da bagnato tendono ad impastare maggiormente la trasmissione. Prima di ogni applicazione e dopo l’utilizzo è quindi bene pulire e sgrassare per bene la catena, eliminando ogni residuo di sporco. D’altronde, dopo che si è girato in condizioni di bagnato, è quasi sempre necessario pulire la bici.

OLIO CON AGENTE PULENTE

Quando si è in giro per più giorni, magari si dorme in rifugio o in camper, non sempre è possibile pulire la bicicletta e la catena dopo ogni giornata. Applicare un olio sulla catena sporca non è il massimo e per questo sono stati formulati degli oli con agente pulente.

Questi oli sono costituiti da due fasi: la prima è un’agente pulente, con buone capacità sgrassanti, mentre la seconda è un lubrificante. Il tutto è disciolto in un solvente molto volatile, in una soluzione decisamente fluida, quasi come l’acqua.

Questi oli funzionano nel seguente modo: si applicano in abbondanza sulla catena, in modo che il prodotto riesca a far uscire dai rullini lo sporco. Con un panno si rimuove quindi l’eccedenza e lo sporco. Il solvente e l’agente pulente in poco tempo evaporano ed il lubrificante presente nel prodotto si deposita sulla catena.

L’effetto è quindi di pulire e lubrificare la catena allo stesso tempo. Questi prodotti sono quindi particolarmente indicati in condizioni di asciutto polveroso, quando non si può pulire la catena tra un giro e l’altro e la polvere che si accumula è molta. La lubrificazione è molto simile a quella di un olio dry, quindi decisamente secca, poco duratura ma con un’ ottima repulsione della polvere. Generalmente non sono adatti a condizioni di bagnato, troppo poco persistenti.

molto importante è che la lubrificazione avvenga sui “rullini” della catena

disegno catena

Il perno e la bussola hanno un po’ di gioco e questo consente di raccogliere all’interno un po’ di lubrificante. Il sottilissimo velo che si deposita su questi due elementi riduce drasticamente l’attrito e quindi l’usura delle due parti, garantendo allo stesso tempo una maggiore silenziosità di funzionamento ed una miglior scorrevolezza.

Una volta lubrificata la catena procedere con un panno alla rimozione dell’olio in eccesso dalla catena

Pulizia della catena. Particolare 7

Può sembrare assurdo passare lo straccio per rimuovere l’olio appena applicato, ma in realtà l’olio serve solo all’interno dei rullini. Su tutte le altre parti della catena, soprattutto all’esterno, è inutile e serve solo per far attaccare lo sporco. Per questo motivo è buona norma rimuoverlo, la catena rimarrà più pulita.

A questo punto la catena è pronta e correttamente lubrificata. Se stiamo usando un olio non molto persistente (ad esempio un olio dry) e la catena non si sporca eccessivamente, a fine giro potremo ripetere l’operazione di lubrificazione senza bisogno di lavare nuovamente il tutto.

…e ricordiamoci sempre che il segreto di una trasmissione silenziosa, efficiente e duratura è la corretta manutenzione della catena!

by Daniel Naftali
mtb-mag

A proposito dell'autore

13 Risposte

  1. Glenn Gerweck

    Definitely believe that which you said. Your favorite reason appeared to be on the internet the simplest thing to be aware of. I say to you, I certainly get irked while people think about worries that they plainly don’t know about. You managed to hit the nail upon the top and defined out the whole thing without having side-effects , people could take a signal. Will likely be back to get more. Thanks

    Rispondi
  2. Claude Tebow

    I as well as my pals appeared to be studying the best recommendations on your web page then instantly developed a horrible feeling I had not expressed respect to you for those tips. All the women became for that reason thrilled to see them and already have certainly been taking advantage of them. Thank you for turning out to be quite helpful and for making a choice on variety of remarkable resources millions of individuals are really wanting to know about. My personal honest apologies for not expressing gratitude to you earlier.

    Rispondi
  3. Abcd efgh

    you are in reality a just right webmaster. The web site loading speed is incredible. It seems that you’re doing any unique trick. In addition, The contents are masterpiece. you have done a magnificent task on this topic!

    Rispondi
  4. Dewey

    It is really a great and helpful piece of information. I am satisfied that you just shared
    this helpful information with us. Please stay us
    up to date like this. Thanks for sharing.

    Rispondi
  5. Tracie Tankxley

    I savor, result in I discovered just what I was having a look for. You’ve ended my four day lengthy hunt! God Bless you man. Have a great day. Bye

    Rispondi
  6. Chad Hinck

    hello!,I really like your writing so much! share we keep in touch extra about your post on AOL? I require an expert on this space to unravel my problem. Maybe that’s you! Taking a look ahead to peer you.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata