Questo sabato si va di strada!

Approfitto dell’occasione offerta dal Team DeRosa Santini per testare i modelli 2015 delle superbici della storica azienda milanese
Mi presento puntuale all’appuntamento, la giornata è velata e il sole non ha molta voglia di uscire nonostante sia l’ultimo giorno di ora solare.
Vengo accolto in grande stile dal simpaticissimo Tiziano, da Danilo De Rosa in persona e da tutto il loro staff.
Il sig.De Rosa mi prende le misure in modo da farmi avere la bici adatta a me e in men che non si dica sono a cavallo di una splendida PROTOS montata al top di gamma, l’equivalente in ambito automobilistico di una Bugatti insomma, ben al di sopra di qualsiasi aspettativa!

IMG_1452

A farmi compagnia nel giro ci sono i ragazzi del nuovissimo team De Rosa Santini che quest’anno sarà sicuramente protagonista del panorama granfondo in Italia.
Partiamo alla volta di Monza passando per la villa reale suscitando ovviamente lo stupore di tutti i ciclisti che incrociavamo, non è da tutti i giorni infatti imbattersi in un gruppo di Protos!

La bici ha un’estetica curatissima, carbonio alto modulo in un mix perfetto di 3 differenti fibre derivato da anni di studio, passaggio cavi interno, tubo obliquo oversize squadrato, sterzo differenziato da 1 1/8 e 1 1/4.. insomma nulla è lasciato al caso e si ha da subito la sensazione di trovarsi davanti ad una fuoriserie. Si apprezza sin da subito l’eccezionale rigidità del telaio che la rende stabilissima alle alte velocità, subito pronta nei cambi di direzione ed in inserimento curva. Tutta la potenza viene trasmessa in maniera diretta dal movimento centrale, siamo di fronte ad un concentrato di performance e competitività. La frenata è potente e modulabile, nell’insieme si avverte un’estremo senso di sicurezza. La strada scorre via veloce, la bici è una lama che taglia l’aria, nessun rumore meccanico! Tutto liscio come l’olio, il cambio elettronico campagnolo superRecord 11V è preciso e silenzioso, gli innesti sono impeccabili sia in salita di marcia che in discesa e in men che non si dica arriviamo dalle parti di Monticello e Sirtori e li anche in salita ho modo di apprezzare lo splendido mezzo che avevo a disposizione ma anche le gambe che non sono di certo all’altezza di quelle dei ragazzi del Team!

Rientriamo di buona lena attraversando il parco di Monza dove nel frattempo qualche raggio di sole aveva inziato a far capolino. Il contachilometri segna 65km, non male per una sgambata!

IMG_1445

Torniamo in De Rosa dove mio malgrado ho dovuto riconsegnare la bici.. giusto il tempo di ringraziare tutti, dai simpaticissimi ragazzi del team a Tiziano, gentilisismo e preparato a Danilo De Rosa, un’istituzione.
Rientro a casa con il ricordo di una splendida giornata ed un catalogo dei sogni in cui posso ammirare una bici inarrivabile ma anche con la consapevolezza di averla provata!

IMG_1444

Mirko

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.