In giri particolarmente lunghi mi è capitato a volte di sentire un affaticamento alla mano e di avvertire anche un certo formicolio sul palmo.
Mi sono guardato intorno e ho cercato sul mercato quali potessero essere le soluzioni e la mia attenzione si è soffermata su questo paio di manopole che a differenza delle classiche “sorelle” che aro abituato a vedere sono molto più accattivanti come forma ed estedtica in generale.
Guardando su internet le ho trovate ad un prezzo interessante e ho deciso di testarle.

Ergon è famosa proprio in quanto a manopole “particolai” con forme molto pronunciate e fuori dai classici canoni. Il marchio tedesco ha iniziato a farsi conoscere al pubblico italiano proprio con questi accessori destando non poco interesse. Il tema dell’ergonomia è il vero asse portante del marchio perché con il passare degli anni questo concetto è stato impiegato prima sulle manopole (creando una piccola rivoluzione in questo settore), poi sui guanti, sugli zaini e infine sulle selle e sui pedali.
Ogni componente è oggetto di attenzioni mai rivolte prima ad esso con tale meticolosità e la differenza spesso è evidente, non solo da un punto di vista estetico, ma anche funzionale.
Se parliamo di estetica, le primissime manopole di Ergon erano appunto piuttosto facili da riconoscere per via non tanto del colore, quanto per il supporto maggiorato per il palmo della mano.
E fu proprio quella la novità che oggi troviamo sulle GE1 con le opportune modifiche essendo questa coppia di manopole inserite nella sezione Technical di casa Ergon.
La forma è piuttosto classica, quindi cilindrica, e non prevede vistose protuberanze per migliorare il comfort della mano, ma nasconde al suo interno diversi accorgimenti molto intelligenti. Andiamo ad analizzarli.

IMG_6857

Sono disponibili in vari colori, io ho scelto il blu che si intona benissimo con le tinte della Nearco S.

La prima cosa che si nota è che hanno un tipo di montaggio (destro e sinistro) e una posizione specifica. Il collarino di fissaggio è posizionato internamente.

Ergon GE1 è stata sviluppata pensando a quei bikers che preferiscono terreni tecnici ed impegnativi. E’ l’ideale per iriders di Enduro, Freeride e Cross country che preferiscono le traiettorie più toste. La sottile forma cilindrica permette un’ottimale rotazione della mano sulla manopola, per tirar su la bici nei salti, o per muovere il tuo peso all’indietro nelle discese tecniche.
I 4 differenti tipi di superficie ottimizzano il grip ed insieme alla forma anatomica assicurano il massimo controllo con il minimo sforzo. Nell’area del nervo ulnare, è stata prevista una zona per diminuire la pressione, così da evitare l’intorpidirsi delle dita.

Con queste manopole il controllo della bici è assicurato.
Il collarino, estremamente sicuro e brevettato,è realizzato in alluminio forgiato ed è resistente al 100% ad eventuali rotazioni.

ergon ge-1

L’impugnatura assume una forma molto standard quindi che varia solo in alcune aree
Il disegno del grip varia in base alla posizione sulla manopola. In particolare la zigrinatura è più fitta sull’esterno e questo consente, a detta di Ergon, un controllo migliore della bici. Su quella parte infatti la mano appoggia il peso maggiore.

Impugnandola ci si accorge che la mano trova un “accomodamento” diverso rispetto alle manopole classiche, ossia quelle a sezione cilindrica costante

Qui il palmo viene supportato da una bombatura che aumenta la superficie di contatto fra il palmo stesso e la manopola.

Nell’uso su strada le GE-1 trasmetto una buona sensazione di comfort, io mi ci sono trovato bene. L’impugnatura è salda e non stanca e si sente nel palmo la forma ergonomica, cosa molto apprezzata anche quando si tiene il classico dito sul freno. La particolare forma di queste manopole infatti consente in questa posizione di avere una sensazione di presa salda e confortevole.
PROMOSSE!

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.